EST SINE DIE | Venere
23387
product-template-default,single,single-product,postid-23387,theme-bridge,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,wp-featherlight-captions,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,columns-4,qode-theme-ver-1.0,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.2,vc_responsive

Venere

Urna in legno massello di faggio.
Apertura dalla base inferiore con viti di fissaggio incluse.
Tutto il ciclo di produzione dal design alla finitura è fatto in Italia.
È lavorata da artigiani esperti che, con grande manualità ed una approfondita conoscenza delle tecniche tradizionali, creano un prodotto unico curato nei minimi dettagli.


completa di:

sacchetto con semi di albero
cartellino descrittivo della divinità Venere

La versione dell’ urna può essere:
con sede portafoto che comprende la cornice realizzata con lo stesso legno e la finitura dell’urna.
con superficie liscia o incisa con la sagoma di impronte, cuori, albero o altra personalizzazione.
con mosaico, i cui intarsi sono realizzati con tessere e frammenti di marmo e pietre naturali.
con piastra in ceramica con il particolare della zampetta in rilievo in oro cotta a terzo fuoco.


Colori

CHIARO – SCURO – BICOLORE


Dimensioni Urna

H = cm 21 – Ø = cm 14 – Capacità lt 1


Curiosità

Fu una delle maggiori Dee romane principalmente associata all’amore, alla bellezza e alla celebrazione della vita. Sono molte le ipotesi sulla nascita della dea. Sembra sia nata da una conchiglia uscita dal mare.
Veniva considerata l’antenata del popolo romano. In quanto, dalla sua unione con Anchise sarebbe nato Enea, il padre di Ascanio e il capostipite della futura Roma.
Venere si distingue per il carattere capriccioso, vanitoso e volitivo. Tra le piante a lei sacre ci sono: il mirto, la rosa, il melo e il papavero. I suoi animali sacri invece sono: la lepre, il delfino, il cigno (simbolo di bellezza ed eleganza), il passero e, soprattutto, la colomba: simbolo dell’ amore.
La sua figura è stata presa a modello come ideale di bellezza ed è diventata il soggetto di innumerevoli opere d’arte, fin dall’antichità, sia sotto forma di sculture che dipinti.