EST SINE DIE | Giunone
23225
product-template-default,single,single-product,postid-23225,theme-bridge,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,wp-featherlight-captions,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,columns-4,qode-theme-ver-1.0,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.2,vc_responsive

Giunone

Urna in legno massello di faggio.
Apertura dalla base inferiore con viti di fissaggio incluse.
Tutto il ciclo di produzione dal design alla finitura è fatto in Italia.
È lavorata da artigiani esperti che, con grande manualità ed una approfondita conoscenza delle tecniche tradizionali, creano un prodotto unico curato nei minimi dettagli.


completa di:

sacchetto con semi di albero
cartellino descrittivo della divinità Giunone

La versione dell’ urna può essere:
con sede portafoto che comprende la cornice realizzata con lo stesso legno e la finitura dell’urna.
con superficie liscia o incisa con la sagoma di impronte, cuori, albero o altra personalizzazione.
con mosaico, i cui intarsi sono realizzati con tessere e frammenti di marmo e pietre naturali.
con piastra in ceramica con il particolare della zampetta in rilievo in oro cotta a terzo fuoco.


Colori

CHIARO – SCURO – BICOLORE


Dimensioni Urna

H = cm 24 – Ø = cm 18,50 – Capacità lt 1,20


Curiosità

Elemento femminile dell’Universo.

Rappresentava la fecondità della terra, della natura e della propagazione della specie.  Stringeva i matrimoni e proteggeva i valori famigliari. Era invocata dalle donne quando avevano difficoltà nel parto quindi, venerata come la Dea che porta alla luce i bambini.

Un tempo si credeva che il canto del cuculo annunciasse l’arrivo della pioggia che rende fertile il terreno. Proprio per questo motivo Giove scelse di trasformarsi in un cuculo per far visita a Giunone e ottenere la sua mano.

Giunone era anche la protettrice degli animali, l’animale a lei sacro era il pavone.

Iscriviti alla newsletter di EST SINE DIE!
subscribe to EST SINE DIE newsletter!