EST SINE DIE | Cerere
23369
product-template-default,single,single-product,postid-23369,theme-bridge,woocommerce,woocommerce-page,woocommerce-no-js,wp-featherlight-captions,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,columns-4,qode-theme-ver-1.0,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.2,vc_responsive

Cerere

Urna in legno massello di faggio.
Apertura dalla base inferiore con viti di fissaggio incluse.
Tutto il ciclo di produzione dal design alla finitura è fatto in Italia.
È lavorata da artigiani esperti che, con grande manualità ed una approfondita conoscenza delle tecniche tradizionali, creano un prodotto unico curato nei minimi dettagli.


completa di:

sacchetto con semi di albero
cartellino descrittivo della divinità Cerere

La versione dell’ urna può essere:
con sede portafoto che comprende la cornice realizzata con lo stesso legno e la finitura dell’urna.
con superficie liscia o incisa con la sagoma di impronte, cuori, albero o altra personalizzazione.
con mosaico, i cui intarsi sono realizzati con tessere e frammenti di marmo e pietre naturali.
con piastra in ceramica con il particolare della zampetta in rilievo in oro cotta a terzo fuoco.


Colori

CHIARO – SCURO – BICOLORE


Dimensioni Urna

H = cm 21 – Ø = cm 12 – Capacità lt 1


Curiosità

Dea della vegetazione e della fecondità dei campi, era una divinità materna della terra e della fertilità. Tutti i fiori, la frutta e gli esseri viventi erano ritenuti suoi doni, tant’è che si pensava avesse insegnato agli uomini la coltivazione dei campi.
Veniva rappresentata come una matrona severa e maestosa, nonché bella e affabile, con una corona di spighe sul capo, una fiaccola in una mano e un canestro ricolmo di grano e di frutta nell’altra. Nell’antica Roma si celebravano le “Cerealia” in suo onore, durante le quali venivano offerti frutta e miele.
Cerere è legata anche al mondo dei morti. Una fossa, veniva aperta soltanto tre giorni all’anno. In questi giorni non si attaccava battaglia con il nemico, non si arruolava l’esercito e non si tenevano i comizi. Ogni attività pubblica veniva sospesa in segno di rispetto perché l’apertura della fossa metteva idealmente in comunicazione il mondo dei vivi con quello dei morti.